La partecipazione alla Messa domenicale resta il cuore e il fulcro della vita cristiana. Sosta e Ripresa intende offrire ai propri lettori un contributo di riflessione sulla liturgia domenicale, nella convinzione che “spezzare la Parola” del Signore è indispensabile per meglio partecipare alla sua mensa eucaristica.

Don Gianni Carparelli
Don Gianni Carparelli, foto Mariella Zadro

In questo cammino per il resto dell’anno liturgico ci accompagnerà don Gianni Carparelli.

11 aprile 2021, II Domenica di Pasqua o della Divina Misericordia – Anno B

Divina Misericordia, Santo Spirito in Sassia, Roma
Divina Misericordia, Santo Spirito in Sassia, Roma

 

… non essere incredulo ma credente

Chissà cosa è realmente successo. La luce dello Spirito e della fede ha colorato e continua a colorare la nostra visione, i ricordi e i passi del nostro cammino. Da secoli e, io lo credo, per tanti secoli e secoli a venire. La fede si purificherà, sarà sempre più autentica e vera, aiuterà a pulire l’universo non solo dalle scorie a volte profonde della miseria umana redenta ma non ancora risorta. E sempre ci sarà chi, forse anche dentro la nostra anima, si domanderà: “Ma sarà vero”? Vero, cosa? Posso invitare me e voi, anche chi non crede o crede di non credere, a non fermarci ai racconti della fede che cercano di aiutarci a credere. La fede va al di là delle visioni spesso legate spiritualmente alla storia della ricerca di capire il mistero.

Poi qualcuno ci ha detto: “Fate QUESTO in memoria di me” e noi abbiamo capito meglio che “Questo è il mistero ella nostra fede”. E siamo andati per le strade della vita ad annunciare e glorificare una presenza con la nostra vita. Si, credo che io, che tu, che tutti noi come comunità, siamo invitati a non far morire il Cristo presenza del mistero di Dio. Noi siamo il suo corpo che deve contagiare il corpo dell’universo e della umanità. E chi “vede” in noi i cammini della giustizia e della pace, vede anche la presenza del divino. I primi discepoli a un certo punto sentirono che era questo il vero cammino del loro credere e hanno iniziato i cammini della storia colorandoli di luce cristiana. Ma c’è ancora tanto cammino da fare.

Condividi