La Domenica delle Palme conclude il tempo liturgico della Quaresima e apre la Settimana Santa.

Sosta e Ripresa offre anche per questi otto giorni ai propri lettori brevi meditazioni della sua fondatrice, Tommasa Alfieri, nella convinzione che possano essere d’aiuto nella riflessione che questo tempo richiede a ciascuno.

Domenica di resurrezione

“Morte e Vita si sono affrontate in un prodigioso duello, il Signore della Vita era morto, ma ora, vivo trionfa”

*****

Alleluia! Il Signore è risorto, è risorto davvero!

Penetrati   di questa immensa gioia: può darsi che sensibilmente tu non la  avverta:  non importa!

La gioia più sicura è quella che viene da una certezza: tu l’hai, per fede, e non puoi dubitare.

Tieni la gioia della Resurrezione al di sopra di tutto; anche di quello che può affliggerti, che può farti soffrire.

Egli è riso1to ed è andato a prepararci un posto; per ognuno.

Lascia cadere, oggi, se ce ne fossero, ogni motivo di amarezza, di tristezza; cerca di levarli ad altri. Fatti un dovere di far piacere, far sorridere, far sperare.

Se puoi ospitare qualcuno che ha motivi di sofferenza, fallo: e circondalo di premura e di attenzioni. La gioia che non si esprime e non si continua in Carità non è vera.

Prendi il testo, leggi attentamente il Te Deum.

Al mattino avrai ritirato il Crocifisso che avevi esposto…

Domani e nel tempo dopo Pasqua continua la Gioia e continua la Croce… Ma la Croce è necessaria alla Resurrezione e la Resurrezione è necessaria alla nostra speranza.

Il Signore ti accompagni, ci accompagni.

IL CRISTO RISORTO SA CONSOLARE FINO ALLA RADICE DELLE LACRIME

Condividi