Il Gruppo di Preghiera “Beato Domenico” per la canonizzazione del Beato Domenico (Barberi) della Madre di Dio celebra la S. Messa, venerdì 26 giugno (ultimo venerdì del mese),nella Chiesa di Castel d’Asso alle ore 18.

Il passionista viterbese Domenico Barberi morì missionario in Inghilterra nel 1849. Proprio 2 giorni fa sono stati ricordati i santi martiri (1535) inglesi Giovanni Fisher (Cardinale) e Tommaso More (Cancelliere) che diedero la vita per la fedeltà alla Chiesa di Roma, opponendosi allo scisma anglicano.

Nella scia di questi personaggi il nostro Meco della Palanzana dedicò la sua vocazione religiosa a riportare la fede cattolica tra i “fratelli separati”.

La sua amorevole dedizione ebbe uno stupefacente seguito tra i proletari delle Midlands inglesi, come pure tra i professori dell’Università di Oxford.

Il più rinomato di questi eruditi da lui convertiti, J H Newman, è stato lui stesso proclamato santo lo scorso 13 ottobre.

Ancora oggi  continua il pellegrinaggio di sacerdoti e laici, cattolici ed anglicani convertiti, nei luoghi viterbesi della sua umile infanzia, così come continua il pellegrinaggio dei fedeli viterbesi in Inghilterra al santuario (vicino Liverpool) dove è venerato il suo corpo.

Nella foto: il Parroco della diocesi di Birmingham (UK) P. Kevin Hooper ed il suo vice P. David Bazen che hanno voluto celebrare la S Messa nella cappellina del Casale Molaioni, a Belcolle, dove, da bambino, Domenico, già orfano, pascolava le greggi . Padre David, nella sua Omelia, ha dichiarato la sua emozione di trovarsi proprio nei luoghi da dove il suo “eroe” ha preso le mosse per farsi religioso e apostolo dell’Inghilterra.

Condividi