Spezzare la Parola, ph laura ciulli

La partecipazione alla Messa domenicale resta il cuore e il fulcro della vita cristiana. Sosta e Ripresa intende offrire ai propri lettori un contributo di riflessione sulla liturgia domenicale, nella convinzione che “spezzare la Parola” del Signore è indispensabile per meglio partecipare alla sua mensa eucaristica.

Don Gianni Carparelli
Don Gianni Carparelli

In questo cammino per il resto dell’anno liturgico ci accompagnerà don Gianni Carparelli.

 

10 ottobre 2021, XXVIII Domenica del Tempo Ordinario. – Anno B

Gesù, pH laura Ciulli“… una sola cosa ti manca…” (Mc 10, 21)
Per capire bene, credo, quanto leggiamo nel Vangelo, ci vuole prudenza e sapienza. Io non credo di averne abbastanza, per cui non mi sarà facile spiegare quello che non capisco bene.

Dante Alighieri
Dante Alighieri

Questo dei beni e delle ricchezze è anche un tema affrontato da Dante, prima nelle tre fiere che vorrebbero ostacolargli il cammino: Lussuria che vuol dire esagerazione, sregolatezza… (basterebbe vedere certi programmi in TV), Superbia e arroganza, Avarizia e uso sragionato dei beni. Sono i peccati dell’umanità e quindi anche dentro la Chiesa.

San Francesco d'Assisi
Statua di San Francesco d’Assisi, basilica di San Francesco alla Rocca, Viterbo

E qui mi permetto di ricordare una persona che abbiamo ricordato il 4 di ottobre, Francesco di Assisi. Persona affascinante sposato a Madonna Povertà. “Questa privata del primo marito/millecent’anni e più dispetta e scura/fino a costui si stette sanza invito” (Paradiso, XI, v. 64-66).
Non so cosa altro dire, se non accettare di lasciarsi affascinare e illuminare da chi riesce a essere libero e non schiavo. “Ricorda che quando lascerai questo mondo, non potrai portare con te nulla di quello che hai ricevuto, ma solo quello che hai dato: un cuore arricchito da un servizio onesto, da amore, sacrificio e coraggio” (San Francesco). Credo lo si possa fare anche se ci si trova a nuotare nei beni. Dipende da come vengono usati.

Condividi